E’ arrivato l’Inverno ?

Questa veloce perturbazione di matrice artica ci ha regalato i primi assaggi invernali sulle regioni settentrionali, in particolare modo l’Emilia Romagna dove la Dama Bianca è scesa copiosamente sul versante Appenninico Emiliano sino a quote basse e più limitatamente a zone circoscritte di quello Romagnolo, dove la stessa riporterà quantitativi meno estesi ma pur sempre moderati sulle vette sopra i 700 metri, nelle notti di Lunedì 13 e sporadiche di Martedì 14.

23509172_1617108298346842_9115221764486063120_o

Ma non solo neve anche tanta pioggia a carattere di rovesci accompagnati in alcune zone da attività temporalesca e Mare da agitato a grosso, sferzato da venti di Bora che in alcune città costiere hanno superato agilmente i 100 km/h, non senza danni.

Cosa ha causato tutto ciò ?

Una rapida depressione Artica in discesa dall’Europa Settentrionale ha sfruttato una finestra barica usufruendo del fianco orientale del promontorio interciclonico posizionato in Atlantico, ed utilizzando così il flusso pseudo frontale per entrare in area Mediterranea sotto forma di Rapida Ciclogenesi con veloce caduta barica, e chiudendosi con il suo uncino propio sull’Emilia Romagna, dove l’avvezione di aria secca e fredda entrava in contrasto con quella più umida e mite in risalita dalle calde acque del Mediterraneo.

 

Ma non possiamo parlare d’Inverno, anche se nei prossimi giorni le temperature subiranno una diminuzione esaltate dalla ventilazione sostenuta dei bassi strati, ed in particolar modo le minime di Mercoledì mattina, ma solamente come antipasto tardo Autunnale, dove la stessa stagione se fatta attendere con Ottobre riconosciuto dal WMO come uno dei mesi più siccitosi di sempre.

Quindi tornando all’analisi settimanale, cosa c’è da aspettarsi nei prossimi giorni ?

Una rapida ripresa dell’anticiclone Atlantico sul settore Settentrionale Italiano, mentre il meridione dovrà fare i conti con la depressione ciclonica con moderata vorticità in fase di colmamento, le regioni settentrionali saranno in parte attraversate dalla sua nuvolosità che per alcune regioni risulterà ancora compatta e accompagnata da residui rovesci vedi la Romagna, dove dovrà attendere qualche giorno in più per delle decise schiarite.

Schermata 2017-11-13 alle 20.49.55.png

La prima giornata migliore sembra essere quella di Venerdì, quella esente da precipitazioni con maggior soleggiamento e con le temperature in ripresa.

Mare da agitato a molto mosso in lenta diminuzione e ventilazione settentrionale a tratti moderata sino a Mercoledì mattina.

Ma una flessione dei Geopotenziali lungo il settore Balcanico, farà presupporre un blando transiente lungo le coste adriatiche atteso per Domenica Mattina, dalla bassa attendibilità, ma che comunque non dovrebbe impensierire particolarmente.

GFSAVGEU12_132_1.png

In pratica se la figura altopressoria sembra essere poco strutturata lungo i suoi piani barici, la sua azione stazionerà a lungo sul nostro comparto Europeo, facendo infiltrare qualche blanda depressione sulle nostre Alpi e nelle regioni meridionali Italiane nel corso della prossima settimana, ma nulla di più.

Torneremo ad aggiornarci a presto dal vostro

Roberto Nanni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...