In arrivo due perturbazioni con piogge e temporali

Da come ci eravamo lasciati nei precedenti editoriali: anticipando una settimana più instabile sull’Italia, così si prevedono le condizioni meteorologiche anche sulla nostra Regione, garantite da una maggior dinamicità Atlantica. Ci attendono quindi diverse fasi di maltempo, caratterizzate dal transito di due diverse perturbazioni che coinvolgeranno maggiormente le regioni del Nord: con piogge diffuse anche a carattere temporalesco e un regime di ventilazione che tenderà a intensificarsi. Il contesto climatico verrà in gran parte influenzato dal transito di questi sistemi perturbati e dal passaggio dei fronti temporaleschi; nel complesso le temperature risentiranno di una lieve flessione sulle zone occidentali nelle giornate di martedì e giovedì; mentre le zone adriatiche, contraddistinte dai venti di caduta, si manterranno con valori di poco oltre la media.

Tra giovedì e venerdì, l’ultima fase perturbata di questa settimana, lascerà spazio ad un progressivo miglioramento del tempo, regalandoci un week end in compagnia di una nuvolosità alta, di scarsa consistenza e assente da precipitazioni. L’inizio di maggio potrebbe esordire con la ripresa a ovest da parte di un robusto anticiclone africano, che stante alle proiezioni meteorologiche porterebbe i primi segnali di una calura estiva sulla Pianura Padana. Torneremo sicuramente sull’argomento.

La giornata di martedì, risulta essere quello più perturbata sull’Emilia-Romagna, con condizioni in peggioramento specialmente riferite alla seconda parte della giornata. Una nuvolosità che risulterà in progressiva intensificazione, e precipitazioni sparse sul territorio regionale che in alcuni casi potranno assumere le caratteristiche di rovescio o temporale. I fenomeni potranno essere accompagnati da forti raffiche di vento e qualche grandinata. Anche se di difficile individuazione ai fini previsionali, i temporali sembrano poter interessare maggiormente il settore appenninico, ma nel pomeriggio, sospinti da flussi instabili che muoveranno da SSW verso NNE, delle celle temporalesche si potrebbero formare anche sulle pianure, coinvolgendo province come: Modena, Bologna e Ferrara. Una linea temporalesca più organizzata è prevista muoversi poi tra Forlì-Cesena verso Ravenna, e non si esclude l’interessamento delle zone interne riminesi verso le pianure marchigiane; anche se su queste ultime prevale un pò di incertezza.

Mercoledì, iniziali condizioni di cielo irregolarmente nuvoloso associato a residue e deboli precipitazioni; nel corso della giornata miglioramento generale con ampie schiarite. Giovedì viene previsto un nuovo peggioramento del tempo con cielo nuvoloso sull’intera regione e addensamenti più consistenti lungo i rilievi, in particolare del settore centro-occidentale della regione. Sono previste precipitazioni irregolari, più probabili ed intense sugli Appennini centro-occidentali. Entro sera delle precipitazioni potrebbero interessare anche i settori romagnoli. Temperature che oscilleranno con valori minimi tra 12 e 16 gradi e quelli massimi tra 20 e 25 gradi. Venti deboli in prevalenza meridionali con rinforzi fino a forti lungo i rilievi e nelle aree soggette ai fenomeni temporaleschi. Temporanei rinforzi fino a moderati sul settore centro-orientale della regione, lungo la costa e sul mare. Mare da calmo a poco mosso sotto costa, generalmente mosso al largo.

Roberto Nanni Tecnico Meteorologo Certificato e divulgatore scientifico di AMPRO Associazione Meteo Professionisti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...