Nuovo maltempo, poi … weekend più stabile

Venerdì altra perturbazione in arrivo la più intensa delle due attese per il periodo di Santa Lucia, piomberà nuovamente sulla nostra penisola portando un rapido peggioramento del tempo che porterà neve sulle Alpi sino a quote collinari ed a tratti sino in pianura sulle regioni dell’alta pianura padana, imbiancando i maggiori capoluoghi a nord del PO. Dalla Val d’Aosta dove gli accumuli al fondovalle potrebbero risultare generosi, al Piemonte occidentale, zone interne liguri, pedemontane e bassa Lombardia, Veneto settentrionale, Trentino Alto Adige, alto Friuli. Pioggia mista neve invece dovrebbe interessare l’Emilia, limitatamente al passaggio di umide correnti occidentali che accompagnando il transito di questo fronte freddo da nord ovest verso sud est, investiranno la nostra penisola con venti di tempesta, mari molto agitati, mareggiate e temporali lungo le coste tirreniche. Nel pomeriggio inoltre la perturbazione nel suo transito porterà piogge diffuse dapprima su Romagna e Veneto ma in successiva intensificazione su isole e centro-sud. Successivamente l’instaurarsi di un campo di alta pressione tra l’Europa centrale ed i Balcani garantirà un deciso miglioramento del tempo e favorirà un generale rialzo delle temperature, ad esclusione della presenza di nebbie.

Sulla nostra regione Venerdì 13 si prevedono cieli da molto nuvolosi a coperti con precipitazioni deboli-moderate sul crinale, con quota neve che varia dai 100 metri del settore occidentale ai 1000 metri del settore orientale; precipitazioni deboli sulla pianura centro-occidentale, dove potranno essere localmente nevose, o sotto forma di acqua mista a neve. Nel pomeriggio tendenza ad attenuazione della nuvolosità sul settore occidentale, mentre avremo delle precipitazioni sul settore centro-orientale, dove sul Riminese potrebbero risultare dal debole al moderato e temporaneamente accompagnate da forti rovesci, con accumuli a fine evento tra i 10 ed i 25 mm/24h tra pianure e coste, tra i 35 ed i 50 mm/24h e localmente sopra tra zone interne e creste appenniniche. Nel corso del pomeriggio non si esclude che il fenomeno di pioggia congelantesi possa interessare localmente il nostro entroterra, mentre in nottata qualche fiocco potrebbe scendere anche sulle colline del riminese. Nella giornata di Sabato 14 sono attese generali condizioni di cielo sereno o poco nuvoloso; annuvolamenti serali sui rilievi. Domenica 15 iniziali condizioni di cielo sereno o localmente nuvoloso per la presenza di locali addensamenti mattutini, nel corso del pomeriggio è però previsto un aumento della nuvolosità sull’intera regione sino a divenire stratificata, agevolata dal ritorno di foschie e nebbie al calar del tramonto. Dopo un diminuzione specie nei valori minimi le temperature saranno comprese tra -2 e 3 gradi. massime in sensibile aumento tra 9 e 13 gradi. I venti soffieranno sino a moderati dai quadranti occidentali, con alcuni rinforzi su fascia costiera e mare, agitandolo sino a renderlo molto mosso.

Roberto Nanni Tecnico Meteorologo Certificato Ampro Associazione Meteo Professionisti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...