Emilia-Romagna: nuova fase di maltempo in arrivo nel week-end

Con l’ingresso della prima perturbazione del mese di dicembre, si è aperta una nuova fase meteorologica più dinamica ed invernale sulla nostra regione emiliano-romagnola, contraddistinta non solamente dal ritorno delle precipitazioni, ma facendo da apripista a nuovi impulsi perturbati che, uno dopo l’altro, comprometteranno il tempo anche della prossima settimana. Uno scenario che vede come miglior protagonista la prevalenza di una vasta area di bassa pressione, la quale, affondando le radici nel Mediterraneo, sfrutterà l’occasione per la discesa di aria fredda proveniente dal Nord Europa.

Questa condizione quindi, getterà le basi per delle precipitazioni, con piogge a più riprese e quantitativi che sulla nostra regione potranno risultare discreti, fino a diventare abbondanti in Appennino. Tuttavia non mancherà l’occasione per delle nuove nevicate, ma limitate perlopiù alle quote medio-alte di montagna, poichè le temperature oscilleranno attorno alla media stagionale, grazie alle correnti meridionali richiamate dal transito delle prossime perturbazioni.

E sarà propio un vortice depressionario, quello che nel fine settimana, sarà destinato a seguire la traccia della perturbazione appena passata, ma che rimanendo defilato più ad Ovest, darà modo alle correnti marittime, più umide e miti, di portarci una spiccata fase di maltempo tipicamente tardo autunnale. Questo lungo pennacchio instabile in risalita dal Tirreno, favorirà lo sviluppo di una linea temporalesca che, impattando sulla catena appenninica, favorirà sui suoi versanti emiliani il maggior contributo delle precipitazioni, e ancor più facilitate dalle temperature in netto rialzo, creerà i presupposti per una rapida fusione del manto nevoso, con la conseguenza di piene improvvise e smottamenti dei bacini sottostanti. Il maltempo si limiterà inizialmente solo all’Emilia, con piogge in aumento, e quota neve, in sensibile rialzo sui rilievi centro-orientali. Ai margini rimarrà la pianura romagnola, dove se in un primo momento vedrà solo fenomeni generalmente scarsi e con la possibilità di avere qualche schiarita, probabilmente anch’essa nella giornata festiva sarà investita da precipitazioni diffuse e di moderata intensità, con rovesci anche temporaleschi.

Venerdì: aumento della nuvolosità con precipitazioni deboli-moderate in estensione dai rilievi emiliani alla relativa pianura nel corso della mattinata e che tenderanno a persistere per l’intera giornata. Al primo mattino le precipitazioni potranno ancora assumere carattere nevoso sui rilievi occidentali a quote superiori agli 800-1000 metri ma con progressivo aumento della quota neve fino a oltre 1500 metri. Le precipitazioni risulteranno più consistenti lungo i settori appenninici dove saranno forti e a carattere di rovescio. Sabato: coperto o molto nuvoloso, con precipitazioni diffuse e persistenti, più consistenti sul settore centrale dove potranno essere di forte intensità e a carattere di rovescio. Quota neve oscillante tra 1200 e 1500 metri sui rilievi occidentali, oltre i 2000 metri sui rilievi centro-orientali. A Rimini il cielo risulterà molto nuvoloso con la possibilità di qualche maggior apertura nelle ore centrali. Piovaschi sparsi, più probabili nelle pianure interne in prima mattinata e con caratteristiche moderate nel corso della serata. Domenica: cielo nuvoloso con precipitazioni sparse al mattino, sul tutto il territorio regionale, probabilità di rovesci diffusi sulla Romagna in esaurimento dal pomeriggio. A rimini possibili precipitazioni moderate nella prima parte della giornata, con probabilità di qualche rovescio anche temporalesco.

Temperature: in oscillazione, con valori minimi inizialmente compresi tra 0 e 4 gradi del settore occidentale, in temporaneo rialzo su quello costiero fino a 11-12 gradi, e successiva flessione sino a 6 gradi ca. Massime in sensibile aumento sul settore centro-orientale comprese tra 10 e 16 gradi e successiva flessione comprese tra 7 e 13 gradi; stabili sul settore occidentale intorno a 6/7 gradi. Venti: forti meridionali sui rilievi, deboli moderati orientali in pianura con rinforzi da sud-est sul settore costiero e sul mare. Mare: da molto mosso fino ad agitato, con moto ondoso in successiva attenuazione.

Roberto Nanni Tecnico Meteorologo Certificato e divulgatore scientifico AMPRO Meteo Professionisti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...