Veloce peggioramento: poche le piogge sulle pianure

Settimana che si apre all’insegna dell’instabilità e che proseguirà con la variabilità. Questo per mezzo di un sistema depressionario in avvicinamento dalla Spagna, in grado di aprire la strada sui versanti transalpini ad una serie di fronti organizzati, alimentati da aria decisamente fredda in discesa dalla Scandinavia. L’obiettivo di queste strutture, di fatto si limiteranno ad un cambiamento del tempo sul Centro-Nord italiano, con estremizzazione dei fenomeni sulla curvatura del promontorio Nord-Africano ,che nel frattempo rimarrà con il suo asse ben saldo sulle regioni meridionali.

Da questo scenario possiamo intuire come la nostra Penisola si trovi a fare i conti con differenti condizioni meteorologiche, dettate dalla morfologia climatica del territorio. La nostra Regione sarà sottoposta a correnti sud-occidentali, le quali manterranno attiva una circolazione ciclonica Atlantica per buona parte della settimana. Le precipitazioni potranno risultare sparse e intermittenti, ma più frequenti sui settori occidentali della Regione, dove talora potranno svilupparsi delle celle temporalesche; la nuvolosità irregolare, i venti tesi con rinforzi lungo i crinali e le temperature senza grosse variazioni: se non qualche variazione in concomitanza del transito dei katafronti e della ventilazione orientale in rientro dai Balcani.

La giornata di lunedì il cielo si presenterà da molto nuvoloso a coperto, con piogge e rovesci diffusi sui settori centro-occidentali del territorio nel corso della mattinata, ma con quantitativi attesi deboli sulle pianure, mentre potranno assumere carattere temporalesco sui rispettivi rilievi, raggiungendo quantitativi cumulati localmente anche abbondanti. Dalle ore pomeridiane, le piogge risulteranno in esaurimento sulle aree di pianura, associate ad ampie schiarite su quelle orientali, mentre potrà persistere qualche fenomeno anche di natura temporalesca sulle aree montane centro-occidentali. In serata viene previsto un nuovo peggioramento, con qualche rovescio sulle aree limitrofe del Modenese e nelle zone interne appenniniche del Riminese. Martedì viene previsto un cielo irregolarmente nuvoloso, con addensamenti più consistenti in mattinata sulle pianure e sulle aree appenniniche, associate su quest’ultime a piogge o rovesci in mattinata, in esaurimento.

Le temperature minime inizialmente risulteranno attorno a 17/18 gradi, successivamente comprese tra 12 e 15 gradi; massime in aumento sul settore centro-orientale con valori attorno a 25/27 gradi ed in flessione sul settore occidentale con valori tra 22 e 24 gradi, 21722 sulla fascia costiera. I venti risulteranno moderati dai quadranti meridionali sui rilievi, con raffiche da forti a molto forti; se dapprima sulla pianura risulteranno sud-orientali, con rinforzi sul settore costiero e mare, successivamente anch’essi si disporranno sud-occidentali. Mare mosso sotto costa fino a molto mosso al largo.

Roberto Nanni Tecnico Meteorologo Certificato e divulgatore scientifico di AMPRO Associazione Meteo Professionisti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...